Quaderno bresciano

Quaderno Bresciano di Agopuntura: UMAB incontra UMAB report dal convegno.

Categories: Tags:

Proponiamo in questo articolo il resoconto di un bel congresso ricco di stimoli e contenuti, che si è tenuto Sabato 13 Ottobre, ed è servito a fare apprezzare i docenti della scuola e a contraddistinguerne le singole e diverse modalità comunicative, distinte ma allo stesso tempo integrate al progetto comune della SSA Umab. In questa occasione sono stati consegnati i diplomi triennali agli allievi dell’ultimo corso da parte del Presidente dell’Umab Dr. Sergio Perini e, in qualità di rappresentante dell’Ordine dei Medici ed Odontoiatri della provincia di Brescia, dal prof. Francesco Donato  ordinario di igiene della UNIBS.

cof

Hanno contribuito al successo della manifestazione la scelta della sede presso l’ Auditorium Capretti dell’ Istituto Artigianelli di Brescia, alle falde del colle Cidneo; validissimo l’apporto del provider ECM Tenda Solidarietà e Cooperazione di Montichiari (BS).

Dr. Antonio Losio

Ricordiamo il programma dei nostri prossimi corsi:

XXI corso di “Agopuntura e Tecniche Complementari”

VIII corso di “Auricoloterapia e Neuromodulazione Auricolare”

Riproponiamo il programma della giornata.

Sergio Perini  – Trattamento per disassuefazione da fumo di sigaretta: studio osservazionale retrospettivo

Antonio Losio – Gonartrosi: esposizione di un protocollo di laser agopuntura

Losio Antonio

Roberto Favalli – Agopuntura nella pratica clinica: dal sapere al saper fare

oznor

Nello Veronese– Casistica di trattamento agopunturale in maculopatia

Roberta Pedretti– Un caso di nevralgia del trigemino in post menopausa

Sandra Bogetti – MTC nella medicina estetica

Furba Patrizia – Agopuntura e Tuina in adolescenti

Marino Alberto –  Esperienza di MTC in Africa

Moretti Giovanni –  Quando lo yangming diventa una strada dissestata

Consegna del diploma di “Medico Agopuntore”

cof

cof

cof

cof

cof

cof

 

 

 

 

 

 

Quaderno Bresciano di Agopuntura: Autunno inizio dei corsi!

Categories: Tags:

Sabato 22 Settembre, presso la sede didattica della Scuola Superiore di Agopuntura UMAB, gli studenti che hanno portato a termine il III anno del corso di Agopuntura e Tecniche Correlate hanno discusso la propria tesi di diploma. La commissione esaminatrice era costituita da tutti i docenti della scuola e, in rappresentanza dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri della provincia di Brescia, dal prof. Francesco Donato ordinario di Igiene Generale e Applicata della Università degli Studi di Brescia; era anche presente, in qualità di rappresentante della FISA (federazione Italiana delle Società di Agopuntura) Dr. Mohammad Natour medico agopuntore da Genova.

sdr

sdr

Gli elaborati di tutti i candidati hanno mostrato una completa preparazione sulla materia; le esposizioni sono state precise e rigorose e in molte è emerso il desiderio di una futura verifica, con modalità di ricerca bibliografica e/o sperimentale, di quanto appreso nei tre anni di corso.

La maggior parte degli elaborati verrà pubblicata nell’area riservata del sito per un utilizzo da parte dei futuri e dei vecchi allievi della scuola. Ringraziamo di questo i neo diplomati che, con questa scelta, hanno capito e vogliono dimostrare come il futuro della nostra disciplina e della relativa professionalità non possa essere ristretto solo all’accudimento del proprio “orticello”; bensì la condivisione di proposte, idee e successi e anche fallimenti con gli altri agopuntori debba essere considerata la “main stream” per la nostra disciplina medica! Condividere al fine di progredire!

Nell’augurare un radioso futuro da agopuntore ai neo diplomati, ricordiamo anche che ai sensi dell’accordo stato regioni del 23 Febbraio 2013 il diploma consentirà l’iscrizione nell’apposito registro dei medici Agopuntori presso l’ordine di residenza. Essendo il diploma riconosciuto dalla FISA il loro nome comparirà, sul sito della stessa, nell’elenco dei medici agopuntori italiani.

sdr

sdr

Con la fine dell’estate riparte la programmazione dei nostri corsi; in allegato il programma del nuovo corso triennale che si è arricchito grazie alla presenza di nuovi docenti formati dall’UMAB ma non solo. Ricordiamo che il corso è in avanzata fase di accreditamento a livello della regione Lombardia, per cui l’attestato ottenuto avrà un valore equivalente a quello di un master universitario!

Dr. Antonio Losio

E’ in preparazione anche il nuovo corso di agopuntura e neuromodulazione auricolare le cui date e programma verranno al più presto comunicate su questa pagina.

Non solo corsi ma, come già anticipato in estate, incontri gratuiti e accreditati ECM per chi intende iniziare a conoscere la nostra disciplina. Di seguito il calendario con allegato il programma e la scheda di iscrizione di ognuno degli eventi. Scheda da inviare al provider.

XXI corso di Agopuntura e tecniche correlate A.A. 2018/2019

LOCANDINA 21 CORSO AGO UMAB + SCHEDA

Incontro l’UMAB incontra l’UMAB sede di Brescia 13 Ottobre

convegno umab 2018b

“Le basi scientifiche e pratiche della agopuntura auricolare (auricoloterapia) nel trattamento del dolore cronico”  10 Novembre

convegno novembre auricolo (003)

Quaderno Bresciano di Agopuntura: News estive 2018

Categories: Tags:

Buona estate a tutti.

E’ sicuramente un buon mese di Agosto per i medici agopuntori della regione Lombardia!

Dopo mesi di latitanza sulla applicazione dell’accordo stato regioni per la formazione in agopuntura, mentre già si affilavano le lame per le battaglie legali, malgrado la canicola imperante la nostra istituzione si è ridestata.

Il primo di Agosto è stato infatti pubblicato sul BURL il DGR n° 11359 avente per tema:” ACCREDITAMENTO REGIONALE DEI SOGGETTI FORMATIVI CHE PROMUOVONO CORSI NELL’AMBITO DELLA MEDICINE NON CONVENZIONALI ALTRIMENTI DETTE COMPLEMENTARI (MC). APPROVAZIONE PROCEDURA E MODULISTICA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE”.  (in allegato il testo integrale del decreto)

Decreto 11359 del 1 agosto 2018

Finalmente le scuole di agopuntura lombarde e, in primis, la SCUOLA SUPERIORE DI AGOPUNTURA UMAB potranno accreditarsi ai fini di potere rilasciare un attestato di formazione equiparabile a quello di un master universitario.

Ulteriormente è questa una buona notizia per gli studenti del nostro corso che, dopo tre anni di studio, discuteranno il giorno 22 Settembre la loro tesi di diploma.

Si ricorda infatti, per inciso, che in virtù del decreto regionale tutti coloro che hanno acquisito i titoli idonei entro il 02 Ottobre 2018 possono iscriversi al registro dei medici praticanti l’agopuntura presso il proprio ordine.

Ci auguriamo, come scuola di agopuntura presente da un ventennio, che ciò permetta anche a colleghi della nostra provincia che si erano iscritti, anche per questo cavillo burocratico in altre regioni, di poter rientrare in una sede di formazione più comoda!

Losio Antonio

 

L’UMAB prosegue la sua attività propositiva e organizzativa anche in questo torrido mese; di seguito i volantini di alcune delle attività che ci hanno visto e ci vedranno coinvolti nei prossimi mesi:

 

Medicina Tradizionale Cinese a Lavarone

locandina_10_agosto

Incontro di Qi Gong a Lavarone

locandina__qi_gong

13 Ottobre: L’UMAB incontra l’UMAB ( aperto a tutti i medici)

convegno umab 2018

10 Novembre: “Le basi scientifiche e pratiche della agopuntura auricolare (auricoloterapia) nel trattamento del dolore cronico” (partecipazione gratuita)

Nuovo Documento di Microsoft Word (2)

Quaderno Bresciano di agopuntura Flash News Giugno 2018

Categories:

VII Corso Biennale Teorico Pratico di Agopuntura Auricolare (Auricoloterapia) NMA (neuromodulazione auricolare)

IMG-20180609-WA0003

Prima della pausa estiva, in attesa del prossimo seminario nel quale verranno discusse le impostazioni delle tesi che saranno successivamente discusse il prossimo anno accademico, un grande bocca in lupo agli studenti che dovranno in questa incipiente torrida estate programmare il lavoro che li condurrà al meritato diploma UMAB di agopuntura e neuromodulazione auricolare.

Un grande riconoscimento al lavoro del Dr. Bazzoni Giancarlo, dei docenti tutors Dr. Losio Antonio e Dr. Perini Sergio.

 

Quaderno Bresciano Fast News Aprile 2017:Una Occasione Sprecata?

Categories: Tags:

Potrebbe essere stata un’occasione sprecata per chiarire ai cittadini il vero ruolo delle medicine “complementari” e non “alternative”?

Giovedì 30 Marzo 2017 si è svolto presso l’auditorium S. Barnaba di Brescia un incontro, aperto a tutta la cittadinanza con il tema “Il fascino discreto delle alternative. Le medicine complementari tra mito e realtà”.

Leggo il resoconto che ne dà uno dei quotidiani locali il giorno successivo. “Medicina alternativa? E’donna”, questo il titolo di questo articolo. Tra i relatori il prof. Francesco Donato ordinario di Igiene dell’università di Brescia ha esposto in modo equilibrato e puntiglioso la sua conoscenza delle diverse medicine complementari con riferimenti alla così detta medicina basata sull’evidenza rimarcando contemporaneamente non solo le criticità della medicina complementare ma anche di quella tradizionale riguardo alla validità ed accuratezza degli studi clinici effettuati.

La dr.ssa Francesca Menniti Ippolito, prima ricercatrice del centro per la valutazione dei farmaci dell’istituto superiore di sanità ha esposto anche in modo particolarmente critico le problematiche di questi trattamenti, specie se farmacologici, quando utilizzati secondo un concetto puramente “alternativo” e non “complementare” al sistema medico corrente.

Riteniamo che quest’ultima fosse in realtà la missione dell’incontro come pensato dall’ordine dei medici e odontoiatri di Brescia e come evidente dal titolo dello stesso .

Rimarcare l’idea che queste medicine non si devono porre in alternativa al nostro sistema medico, bensì accompagnarlo ed eventualmente supplirlo là dove manca.

La conclusione dell’articolista ci porta invece a credere che non esistano sufficienti motivi per utilizzare queste pratiche se non quelli quali il desiderio di una pasionaria lombarda di livello sociale e culturale elevato ed età media di provare qualcosa di non usuale anche se non scientificamente corretto.

Potrebbe essere questo il messaggio colto, al termine della giornata, oltre che dall’autore dell’articolo e dai suoi lettori ,anche dal numeroso pubblico presente?

Speriamo fortemente il contrario anche se, dalle nostre fonti presenti all’incontro,  sembra che gli approfondimenti per una discussione richiesti da molti dei presenti in sala siano stati ignorati dal moderatore; non vorremmo pensare per una sua pregiudizievole posizione anti medicine complementari.

Comunque sia la discussione sembra essere stata deviata su temi non completamente attinenti il tema della manifestazione privando i presenti di una risposta alle domande poste.

Quaderno Bresciano di Agopuntura anno 2016 Numero Unico

Categories: Tags:

Riappare, nell’attesa della pubblicazione del nuovo sito dell’UMAB il “Quaderno Bresciano di Agopuntura” on line.

Lo spunto è il commento al viaggio in Cina del presidente dell’UMAB, dr. Sergio Perini, quale unica società italiana di agopuntura invitata per il 60° anniversario di fondazione dell’università di Medicina Tradizionale Cinese di Shangai.

Ma questo 2016 ha visto succedersi altri eventi in casa UMAB. E’, per il momento, terminata con la chiusura del XVII corso di perfezionamento (in Settembre la discussione delle tesi finali) in Agopuntura e Tecniche correlate la collaborazione con l’università degli studi di Brescia.

L’UMAB ha proseguito comunque, raggiungendo così il XVIII anno di attività didattica, la sua opera di formazione in agopuntura organizzando, tramite Scuola Superiore di Agopuntura (SSA) Umab, un corso triennale comprensivo di 400 ore di didattica frontale e 100 ore di pratica clinica (50 in aula + 50 in studio).

Alla luce delle nuove normative in tema di formazione per l’agopuntura e per mantenere un’offerta di apprendimento qualificata l’Umab si è assunta questo onere ed ha organizzato in modo autonomo un percorso formativo-didattico che persegua gli obiettivi previsti dall’Accordo Stato-Regioni.

Si è voluta così mantenere e continuare un’esperienza didattica che, dopo i 17 anni di collaborazione con la Università di Brescia, è ormai consolidata e apprezzata tra gli agopuntori italiani.

In particolare la didattica applicata ha lo scopo di cercare e stimolare una sintesi tra l’approccio scientifico e l’approccio tradizionale per la Agopuntura Cinese pur nella consapevolezza di paradigmi diversi della filosofia della Scienza.

Nel mese di Giugno si è svolta l’assemblea dell’UMAB ed è stato eletto il nuovo consiglio direttivo che avrà il compito di coordinare le attività per il prossimo triennio.In allegato la relazione del presidente.

Il consiglio è così formato: Presidente Dr.Perini Sergio, Vicepresidente dr. Losio Antonio ,Tesoriere dr. Angelini Osvaldo, Segretaria dr. Pedretti Roberta , Consiglieri: dr. Favalli Roberto, dr. Marino Alberto, dr. Gadaleta Gianfranco, dr. Testa Amidio, dr. Rigoni Monica.

L’UMAB ha collaborato al “MeCAM”2016, secondo congresso di Neuromodulazione auricolare e auricoloterapia che si è tenuto a Sassari il dal 7 al 9 Settembre 2016.

Documenti allegati

Attività culturale dell’UMAB nel triennio 2013 2015

Relazione del presidente dell’UMAB sul viaggio a Shangai

 

Quaderno Bresciano di Agopuntura , Anno 2015 numero unico

Categories: Tags:

Con questo numero vogliamo integrare quanto già pubblicato nell’anno precedente sulla attività culturale della Unione dei Medici Agopuntori Bresciani.

A tal fine è doveroso partire dall’ultima fatica del nostro presidente, Dr. Sergio Perini,  medico agopuntore e psicoterapeuta, appassionato d’arte che , dopo la pubblicazione nel 2011 del libro Un Medico in Cina ha presentato  una rivisitazione critica del precedente volume con aggiunta di 2 nuovi capitoli e di un nuovo corredo fotografico.un-agopunturista-italiano-in-cina-L-gpwE8k

Il filo conduttore è il suo viaggiare dal 1991 in Cina con particolare attenzione agli aspetti della Medicina Tradizionale Cinese (MTC)  frequentando numerosi Ospedali di varie Università Cinesi: Guanzhou, Beijing, Nanjing, Shanghai, Tianjin. Come Uomo di Cultura ha colto questa opportunità non solo per  approfondire la MTC ma anche per studiare la Cultura, la Storia e la Vita Cinese ripercorrendo con un filo di seta il percorso di avvicinamento tra Occidente e Oriente già intrapreso da Uomini Curiosi quali Marco Polo, Matteo Ricci e il bresciano Giulio Aleni.

Il punto di arrivo di questo impegno professionale è stato il riconoscimento di Professore Invitato da parte della Facoltà di Medicina Tradizionale Cinese della Università di Shanghai.

Arricchiscono questo numero due presentazioni fotografiche sulla attività dell’UMAB.

Attività UMAB 2014/2015

Rapporto tra UMAB e UNIBS

 

 

Quaderno Bresciano di Agopuntura Anno 2014 numero unico

Categories: Tags:

L’anno appena trascorso, il 2014, è stato particolarmente denso di impegni e soddisfazioni per l’UMAB.

Al di là del tradizionale impegno nei corsi di agopuntura e auricoloterapia siamo stati partecipi e protagonisti in due particolari eventi di carattere Nazionale e internazionale.

Nel mese di Settembre 2014 eravamo presenti al Primo Congresso Mediterraneo di Neuromodulazione Auricolare (Agopuntura Auricolare,Auricoloterapia e stimolazione auricolare del nervo vago) che si è tenuto in Grecia ad Atene.

Nel mese di Ottobre, più precisamente il 10 e 11, abbiamo collaborato alla organizzazione del XXIX congresso S.I.R.A.A.   “Agopuntura Italiana 2014” Ricerca, pratica clinica, apprendimento; che si è svolto presso la sede della Università degli Studi di Brescia facoltà di Medicina e Chirurgia.

In quel di Atene sono state presentate dai nostri iscritti le seguenti relazioni:

Cattura

SHOULDER PAIN: FREQUENCE OF AURICULAR POINTS RECORDING ON

MODIFIED SECTOGRAM AREAS WHEN COMPARED WITH CLASSICAL

SEMEIOTICAL FINDINGS

  1. Galanti, A. Losio (Italy)

 

CESSATION SMOKING STATUS: MY CASE

  1. Perini (Italy)

 

CLINICAL EXPERIENCES IN PAIN THERAPY ACCORDING TO A NEW

DIAGNOSTIC–THERAPEUTIC MODEL OF AURICULAR NEUROMODULATION

(Lectio Magistralis)

  1. Bazzoni (Italy)

 

HOW AURICULAR POINTS RECORDING CAN BE INFLUENCED BY OPERATOR’S

EXPERIENCE AGAINST THE METHOD USED

  1. Losio (Italy)

 

Al congresso SIRAA di Brescia sono state presentate dai nostri iscritti le seguenti relazioni:

UN UP TO DATE METODOLOGICO SU ELETTROSTIMOLAZIONE AURICOLARE

(Dr. Bazzoni Giancarlo)

UN UP TO DATE METODOLOGICO SU LASERAGOPUNTURA

(Dr. Losio Antonio)

Il congresso si è concluso con una tavola rotonda dal tema:P1030403

L’agopuntura è, potrebbe, deve essere, assolutamente “evidence based”?

Moderatori: Prof Donato Francesco. Dr.Antonio Losio

Partecipanti: Prof. Maioli Claudio; Dr. Allais G.B.; Dr. Giovanardi C.M.; Dr. Spedini Cesare; Dr.Perini S.; Dr.Marco Romoli, Dr. Quirico Piero Ettore.

 

Materiale allegato

Localizzazione dei punti ed esperienza dell’operatore articolo

Localizzazione dei punti auricolari presentazione

Dolore alla spalla e agopuntura auricolare articolo

Dolore alla spalla e agopuntura auricolare presentazione

Congresso Brescia SIRAA versione ultima

Atti Congresso SIRAA e UMAB

Quaderno Bresciano di Agopuntura anno 2012 n°1

Categories: Tags:

Un Medico in Cina

Vorrei introdurre questo numero del Quaderno Bresciano di Agopuntura con la recensione di un libro.
Quando ho iniziato a leggere questa fatica dell’amico Sergio Perini, presidente dell’Unione dei Medici Agopuntori Bresciani, mi è sembrato di vivere un deja vù.
Il dr.Perini ha più volte oltrepassato la grande muraglia, almeno 6 volte dal 1991 ad oggi; non come barbaro invasore bensì epigono dello spirito con cui altri italiani hanno cercato di conoscere questa civiltà nei secoli passati.
Ha frequentato in tali viaggi come scopo precipuo le corsie ospedaliere di medicina tradizionale cinese e, nello stesso tempo, accuratamente osservato le abitudini di vita di questo popolo. Un Medico in Cina
Al ritorno si è sempre reso obbligo di rendere partecipi noi colleghi dell’Unione dei Medici Agopuntori Bresciani di ciò che aveva visto e delle emozioni provate mediante l’ausilio di presentazioni ricche di bellissime diapositive.
Il ricordo di questi racconti mi si è, ora, ravvivato scorrendo questo preciso diario di viaggio, redatto in maniera minuziosa ma mai pesante per il lettore.
Anche attraverso la sola parola scritta l’autore è riuscito a creare nella mente la suggestione di immagini e meraviglie di un mondo che per molti, medici agopuntori e non, rimane fantastico.
Il transfert di sensazioni non scaturisce bensì nitido come dall’osservazione di un’istantanea; e non si pensi che ciò costituisca un difetto dell’opera.
Pur nella precisione descrittiva, i particolari emergono, come velati, in una atmosfera quasi onirica la cui nota armonica viene confusa da una cacofonia di compresenze che inducono all’introspezione e all’approfondimento.CCI22102011_00000
Tutto è paragonabile agli acquerelli che Sergio ama dipingere e per molti dei quali ha tratto spunto da questi viaggi; il moderno, pur presente, è sempre velato e in secondo piano rispetto alla bellezza della tradizione.
La lettura di questo libro è consigliata non solo ai cultori delle medicina tradizionale cinese ma a tutti coloro che siano incuriositi da questa civiltà.

Una erba prodigiosa?

Recita un antico proverbio cinese.
“Il genere umano ha la sua più alta espressione nel saggio, il mondo minerale nell’oro, le pietre preziose hanno la loro regina nella giada e il mondo vegetale ha il suo imperatore nel Ginseng”.
Più prosaicamente la madre di famiglia e moglie si domanda: questa radice gioverà maggiormente a mio marito stanco o a mia figlia svogliata? Nell’articolo collegato un ampia e profonda risposta.

Il Gingseng

Taijiquan

Secondo una leggenda il taijiquan e’ nato dalla osservazione di un combattimento fra un serpente e una gru.
Mentre la gru metteva tutta la sua energia portando colpi violenti e rapidi, il serpente badava solo a schivarli, finché la gru fu tanto esausta da lasciarsi sopraffare.
Un monaco interpretò tutto ciò come la conferma di una convinzione taoista: il principio dolce alla fine prevale su quello violento.
La pratica di questa disciplina permetterebbe che si produca, da un lato il rafforzamento di muscoli, ossa ed articolazioni; e dall’altro un effetto sedativo e riequilibratore sul sistema nervoso centrale, che a sua volta è stimolato ad attivare o a migliorare le funzioni degli altri sistemi ed apparati.
Nella presentazione allegata troveremo maggiori informazioni su questa disciplina.

Taijiquan

Quaderno Bresciano di Agopuntura anno 2011 n°1

Categories: Tags:
Editoriale:
 
“Partorire senza dolore con l’agopuntura”
“Nascere sicuri”, la commissione permanente del parlamento Igiene e Sanità si è occupata recentemente, nell’ambito della indagine conoscitiva sul percorso nascita effettuata tramite l’audizione di esperti, anche di Agopuntura.
L’ipotesi è quella che la donna, che consapevolmente voglia decidere di esercitare la propria autodeterminazione nella scelta tra parto cesareo o naturale, possa usufruire per l’attenuazione del dolore durante il travaglio, in alternativa o complemento alla “parto analgesia” anche dell’agopuntura.
Cogliamo lo spunto da questo parto, felicemente naturale, per parlare di un altro ben più travagliato.
Nei numeri precedenti del nostro “quaderno” avevamo fantasticato sull’ipotesi di una legge, riservata alla sola agopuntura, che ne regolasse la formazione e la pratica.
In effetti la FISA (Federazione Italiana delle Società di Agopuntura) aveva aderito, nell’anno 2010, alla discussione su di una tale proposta di legge che era stata depositata agli atti della attuale legislatura nel 2009 da un deputato che è agopuntore.
In seguito a traversie parlamentari del presentante, il progetto è attualmente in fase di stallo.
Ci ha preoccupato vedere come numerosi organi di informazione, al fine di delegittimare il politico, abbiano sottolineato con enfasi particolarmente ironica la sua appartenenza al mondo della agopuntura le quali necessità sono state presentate come il minore dei problemi che affliggerebbero la nostra sanità, di conseguenza non degne di interessamento.
Riteniamo nostro dovere stigmatizzare il fatto che lo stesso stile di comportamento sia stato usato anche in sede parlamentare, durante discussioni non strettamente correlate ma che hanno espresso un atteggiamento ai limiti della derisione per la nostra disciplina.
Nutriamo, stanti queste premesse, un giustificato timore che anche per questa legislatura il sogno di una legge esclusiva possa svanire.
L’agopuntura rimane pur sempre presente nei disegni di legge sulle Medicine non Convenzionali, depositati in parlamento, in attesa di discussione.
Avevamo già pubblicato nel numero precedente un aggiornamento, alla data del 19 maggio 2010, sulla attività relativa; pubblichiamo ancora una “rassegna parlamentare” tratta dal sito della FNOM & O alla cui lettura rinviamo per un ripasso di quanto già detto.
E’ importante ancora sottolineare come, nella seduta del 29 Settembre 2010, il ministro della sanità Fazio abbia convenuto sulla opportunità di aprire un tavolo-politico di natura informale sui disegni di legge in tema di medicine non convenzionali.
Purtroppo dalla lettura degli atti dell’ultima riunione della commissione parlamentare permanente sulle MNC che risale al 19 gennaio 2011 si evidenzia chiaramente come, al momento, l’accomunamento di discipline mediche e di altre che ne sono profondamente distanti abbia condotto la discussione in un ginepraio da cui sarà difficile che i parlamentari incaricati riescano a districarsi.
Indipendentemente dalla cattiva informazione e/o dalla malafede, la camera dei deputati si è occupata appropriatamente di agopuntura; ciò ha portato all’emanazione degli ordini del giorno 9/624-B/4  e 9/3687-A/25  con i quali il governo si è impegnato alle seguenti risoluzioni: “prevedere l’utilizzo della agopuntura nella terapia del dolore” ,  “valutare l’opportunità di adottare nelle sedi appropriate e con le opportune iniziative normative, l’inserimento, durante gli ultimi anni del corso di laurea in medicina e chirurgia, di un sistema informativo sui meccanismi d’azione dell’agopuntura e sulle sue indicazioni terapeutiche”.
All’inizio dell’articolo si è parlato della possibilità di utilizzare l’agopuntura per attenuare il dolore durante il travaglio di parto per via naturale. Prerequisito a che ciò avvenga è costituito dalla presenza, in sala parto, di una figura competente che, possibilmente, dovrebbe essere lo stesso ginecologo.
Questo introduce il problema della formazione in agopuntura, qualora ne avvertisse la necessità, di questa figura medica; analogamente come per altri medici specialisti che volessero utilizzare la metodica per scopi terapeutici limitati alla propria disciplina.
Nella situazione attuale la formazione degli agopuntori, in Italia, viene svolta con durata pluriennale(3-4 anni accademici) ed è distinta, come contenuti didattici, tra due scuole trainanti di pensiero: quella così detta “tradizionale cinese” e quella “riflessoterapica o moderna”.
L’efficacia clinica di entrambe le linee di condotta è dimostrata e le scuole italiane di agopuntura più avvedute propongono da tempo, secondo le direttive della FISA ( Federazione Italiana delle Società di Agopuntura), un insegnamento che possibilmente le integri.
Deve essere segnalato il fatto che, numerosi esperti del settore avrebbero rilevato come, in alcune delle proposte di legge sulle MNC attualmente in discussione, si tenda a privilegiare l’aspetto “tradizionale” della agopuntura a discapito di quello “moderno”,possibilmente, più scientifico. Riteniamo corretto affermare che, attualmente, la formazione data dalla maggior parte delle scuole di agopuntura italiane più accreditate rispecchia un sostanziale equilibrio tra i due metodi di insegnamento citati.
Tornando al nostro caso di partenza viene da molti addetti riconosciuto che la manualità necessaria relativa alla sola attenuazione del dolore in sala parto possa essere conseguita, indipendentemente dalla scuola di pensiero seguita, anche con periodi di formazione ben più brevi di quelli sopra citati; quanto detto sarebbe egualmente valido per altre forme di intervento agopunturistico eseguite da specialisti per quanto di loro competenza.
Per approfondire questa ipotesi, rimandiamo a quanto espresso dall’WHA/OMS ( Word Health Association – Organizzazione Mondiale della Salute) sul tema della formazione per gli agopuntori.
Questo documento suggerisce le linee guida per la formazione di medici in Agopuntura nelle nazioni nelle quali essa non sia parte integrante della corrente pratica medica, in esso vengono consigliati due tipi di formazione:
1.    Addestramento completo (1500 ore) in agopuntura di medici laureati che desiderino praticarla a trecentosessanta gradi, sui loro pazienti, per  le patologie per le quali è comunemente utilizzata.
N.d.r. Questo tipo di formazione privilegia l’approfondimento e l’applicazione nella pratica dei fondamenti tradizionali della agopuntura.
2.    Addestramento breve (200 ore) in agopuntura di medici che desiderino utilizzarla come tecnica complementare nella loro pratica quotidiana o ai fini di ricerca scientifica.
N.d.r. Questo tipo di formazione appare maggiormente rivolto a chi desideri praticarla, al di là dell’aspetto tradizionale,  secondo la modalità riflessoterapica che vorrebbe essere moderna e scientifica evidence based anche solo per ben definiti ambiti di intervento.
Dopo gli opportuni aggiustamenti potrebbe essere questa una proposta integrativa di quanto in essere e maggiormente praticabile per la formazione dei medici agopuntori in Italia?
(n.d.r. si parla solo di medici perché l’agopuntura, per legge, in Italia è solo atto medico)
Chi la sostiene sottolinea che si aprirebbe un nuovo campo di acculturazione medica con ripercussioni favorevoli sulla accettazione della agopuntura:
1.    Un medico che l’avesse verificata con successo, in prima persona dopo avere seguito un breve corso di formazione specifico, non la ostracizzerebbe per l’applicazione ai suoi pazienti anche per altre patologie.
2.    Lo stesso professionista potrebbe essere successivamente invogliato allo studio completo della Agopuntura per una sua applicazione “integrale” secondo evidenze scientifiche e tradizionali sul proprio paziente.
Il primo passo che potrebbe condurre a questo rinnovamento culturale medico?
E’ gia stato scritto negli atti della repubblica italiana: l’attuazione di quanto previsto dall’ordine del giorno 9/3687-A/25 precedentemente citato: “l’inserimento, durante gli ultimi anni del corso di laurea in medicina e chirurgia, di un sistema informativo sui meccanismi d’azione dell’agopuntura e sulle sue indicazioni terapeutiche”.
                                                                                     Dr.Antonio Losio
Altre notizie:
·         Dr. Sergio Perini
Aspetti di attualità del sistema sanitario cinese
……. A seguito del mio 5° viaggio presso le Università e le strutture sanitarie cinesi, desidero scrivere alcune note su alcuni degli aspetti della Sanità Cinese che i Medici Italiani dovrebbero conoscere visti i rapporti culturali, economici e sanitari sempre più intensi con l’Impero di Mezzo….
·         Dr. Roberto Favalli
“La filosofia Daoista l’Agopuntura e la Medicina Tradizionale Cinese”
….Quando ci si avvicina all’Agopuntura e alla Medicina Cinese è inevitabile venire a contatto
con una delle correnti di pensiero più importanti della cultura tradizionale cinese, vale a
dire la filosofia Daoista. Non deve stupire se viene utilizzata la dizione “Daoista” anziché quella più comunemente conosciuta come “Taoista”…
I giorni della salute 2011 Brescia
          Dr.Sergio Perini Relazione sulla partecipazione UMAB
Ultima ora:
Nuovo disegno di legge, n°2672 presentazione Senatore D’Ambrosio Lettieri
Presentato in data 6 aprile 2011; annunciato nella seduta ant. n. 536 del 7 aprile 2011.
“Disposizioni in materia di riconoscimento della MTC e della Agopuntura”

Quaderno Bresciano di Agopuntura anno 2010 n°1

Categories: Tags:
Nel mese di Giugno, con l’inizio dell’estate, l’UMAB è giunta all’acme della attività annuale.
E’ stato portato a compimento l’XI Corso di Perfezionamento in Agopuntura organizzato in collaborazione con la facoltà di Medicina e Chirurgia della Università degli Studi di Brescia. L’esame finale è stato sostenuto con profitto dai medici partecipanti al corso.
E’ stato anche eletto il nuovo consiglio direttivo che ha visto l’inserimento di nuovi colleghi al fine di aumentare le ambizioni e le potenzialità della nostra società culturale. Dal mese di Luglio sarà presente sul sito il collegamento al modulo di iscrizione per il XII corso di perfezionamento che inizierà nel prossimo autunno.Esame2010
E’ in cantiere anche un corso quadriennale di Agopuntura organizzato dall’UMAB e riconosciuto dalla FISA ( Federazione Italiana delle Società di Agopuntura), per maggiori informazioni vi invitiamo a visitarci su questo sito nelle prossime settimane.
Se la nostra piccola società si è segnalata per l’impegno profuso, parimenti non è stato da parte di chi da anni promette di legiferare sulle medicine non convenzionali e, tra di esse, sull’agopuntura.
Alludiamo purtroppo, indipendentemente dalla collocazione politica dei soggetti, a chi abbiamo eletto a rappresentarci nel parlamento italiano ed in particolare si occupa istituzionalmente di questo argomento.
Forniamo in questo numero ai nostri lettori la possibilità di visionare la “cronistoria”  di questo fantomatico iter legislativo che abbiamo ricostruito consultando documenti ufficiali tratti dal sito del Senato della Repubblica Italiana relativa allo stato dei lavori per il periodo compreso tra il 29 Maggio 2008 ed il 19 Maggio 2010.
Ad ognuno di voi la possibilità di trarre le proprie conclusioni dalla lettura di questo documento:saranno sicuramente sconfortanti.
La nostra impressione è che si stia tergiversando, probabilmente per il timore di arrivare ad una decisione che, comunque, scontenterebbe qualcuno.
Lo scrivente ha più volte, in passato, manifestato la propria opinione che è contraria ad una regolamentazione comune tra l’Agopuntura e le altre medicine non convenzionali e favorevole ad un riconoscimento distinto della nostra disciplina relativamente alle indicazioni cliniche autorizzate ed alla offerta formativa pubblica o privata.
Tornando al documento precedentemente citato, potremmo sintetizzarlo nei due punti seguenti.
All’inizio della discussione (2008) sono stati esaminati in maniera congiunta progetti di legge che, seppure comuni a tutte le medicine non convenzionali, erano limitati alla sola figura medica.
In fasi successive ne sono stati congiunti altri finalizzati anche alla disciplina di figure non mediche, per cui si è arrivati (2010) ad accomunare nella discussione medici, operatori shiatsu, operatori bionaturali e del benessere, naturopati.
Temiamo fortemente che la discussione congiunta su figure culturalmente e deontologicamente dissimili genererà solo confusione e, di conseguenza, il blocco dell’iter legislativo.
(n.d.r. tutti i documenti citati nella cronistoria sono pubblicati in allegato: PDL 145- Cursi, PDL 481-Massidda, PDL 713- Bosone,PDL 1134- consiglio Regione Emilia Romagna, PDL 1243 Allegrini e Piscitelli, PDL 1896 Bugnano,PDL 2152- Bianco)
Secondo queste considerazioni, con maggiore urgenza e necessità, auspichiamo una legge  unica per l’Agopuntura; a tale riguardo è giacente in parlamento, in attesa di discussione, il PDL dell’Onorevole  Domenico Scilipoti riguardo al quale la FISA ha condotto , al suo interno, una approfondita e positiva discussione e proposto contributi migliorativi.
A sostegno di quanto auspicato aggiungiamo che, nella seduta dell’assemblea del 16 Settembre 2009 e del 9 Marzo 2010 relativa agli atti della Camera n.624 e 624-B, divenuti legge n.38 del 2010, concernente “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”, è stata accolto dal governo all’ordine del giorno su proposta dello stesso onorevole Scilipoti il seguente testo: “la possibile applicazione della agopuntura nella terapia del dolore è sostenuta da numerosi studi preclinici nell’animale da esperimento e nell’uomo, nonché da un notevole numero di trials clinici,… impegna il governo a prevedere l’utilizzo della agopuntura nel campo della terapia del dolore.
Questo rappresenta un primo passo verso il riconoscimento e l’utilizzo di questa tecnica terapeutica seppure limitatamente alla terapia antalgica.
L’Agopuntura è anche altro; a tale proposito pubblichiamo in questo numero, come esempio della possibilità di integrazione con la medicina ufficiale, un lavoro dal titolo “Agopuntura e Cancro” che ne mostra le potenzialità di utilizzo in pazienti di difficile gestione anche per problematiche non strettamente connesse al dolore.
E’ pubblicato, in allegato, anche una interessante relazione del collega medico e agopuntore Amidio Testa sulle basi neurofisiologiche della agopuntura nella terapia del dolore.
Vi invitiamo ad approfondire quanto sinteticamente esposto leggendo i numerosi allegati che presentiamo per questo primo numero del 2010 del nostro Quaderno Bresciano di Agopuntura.
Antonio Losio

Quaderno Bresciano di Agopuntura anno 2009 n°2

Categories: Tags:
Nel numero 1 del Quaderno Bresciano di Agopuntura avevamo esaminato e discusso la possibilità che, questa nostra disciplina, venisse finalmente regolamentata dalle leggi dello stato italiano.
Proponiamo, sommariamente, il punto della situazione riservandoci di esaminarla in maniera più dettagliata nel prossimo incontro del 2010.
Alcuni dei decreti legge comuni a tutte le MNC presentati sono in corso di esame, in maniera, congiunta da parte della apposita commissione.
Il PDL dell’onorevole Scilipoti, relativo alla sola agopuntura, è stato presentato ai medici in numerosi incontri presso gli ordini professionali di numerose regioni.
Vi è stata una recente delibera della FNOM&O, sostanzialmente fondata su di un documento dell’Ordine dei Medici&O di Bologna, che propone una possibile linea di condotta anche a livello legislatiUn caro saluto a tutti i sostenitori e simpatizzanti dell’UMAB. Ci ritroviamo, alla fine di questo 2009, per discutere della “nostra” agopuntura.vo.
Ribadiamo che, condizionare la regolamentazione della agopuntura a quella delle altre medicine non convenzionali, non ci garba.
In questo numero proponiamo quattro articoli a nostro avviso interessanti.
  1. “Resoconto delle attività “UMAB” nel 2009. Autore Dr. Sergio Perini.
  2. “La nuova via delle spezie”. Autore Dr.ssa Franchi Luisella.
  3. “Cronaca di un viaggio di studio in Cina”. Autore Dr. Alberto Masucco.
  4. “La fitoterapia nella cura del paziente emicranico”. Autore Dr. Losio Antonio

U.M.A.B. – Unione Medici Agopuntori Bresciani

La Nuova Via delle Spezie

La fitoterapia occidentale nella cura del paziente emicranico

Cronaca di un viaggio di studio in Cina