Area pazienti

Dicono dell’Agopuntura

La prima organizzazione che si è occupata con autorevolezza dell’agopuntura è stata sicuramente la WHA (Word Health Association) altrimenti tradotta anche come Organizzazione Mondiale del Salute (OMS). Nel 2003 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto sull’efficacia dell’agopuntura. Sono state discusse più di un centinaio di indicazioni e sono state distinte in in quattro gruppi a secondo della forza delle prove di efficacia esistenti.

Il cammino per giungere a questo traguardo era iniziato nel giugno 1979; l’organizzazione mondiale della sanità in un simposio sull’ agopuntura tenuto a Pechino in Cina aveva stilato una prima lista di 43 malattie o condizioni di salute che  avrebbero potuto, ragionevolmente, trarre beneficio dall’agopuntura.

Questa lista era però fondata per lo più su una casistica annedottica senza la chiarezza di uno studio clinico condotto secondo criteri scientificamente adeguati.

Quasi vent’anni dopo, nel 1997, negli stati uniti il National Institutes of Health ha pubblicato un “ Consensus Statement”, che riassume lo stato delle conoscenze tratte da studi clinici riguardanti l’efficacia dell’agopuntura. Gli Autori conclusero che esistono “risultati promettenti che mostrano l’efficacia dell’agopuntura nel dolore post-operatorio per gli adulti , nella nausea nausea e vomito da chemioterapia e nel dolore dentale post-operatorio. In altre condizioni, per lo più relative a patologie dolorose, l’agopuntura potrebbe essere utile come trattamento coadiuvante o costituire un’alternativa accettabile ai trattamenti convenzionali.

L’anno precedente al 2003 l’OMS organizzò un’altra riunione in Italia a Cervia. Da questo incontro è scaturito un rapporto ufficiale sull’efficacia dell’agopuntura sulla base di dati provenienti da studi clinici controllati. Il rapporto che pubblichiamo nella tabella seguente è basato sui risultati di una serie di studi (255 studi) pubblicati entro la fine del 1998 o all’inizio del 1999 .

Secondo quanto riportato in questi studi sono state compilate le seguenti tabelle.

Malattie, sintomi o condizioni per le quali l’agopuntura è  risultata essere un trattamento efficace tabella compilata in base agli studi pubblicati entro l’inizio del 1999 :

Le reazioni avverse alla radioterapia e chemioterapia Leucopenia La rinite allergica (compresi febbre da fieno) Dolore nella zona lombare Colica biliare Correzione del mal posizionamento fetale
Depressione (tra cui la nevrosi depressiva e la depressione dopo ictus) Morning sickness

 

Dissenteria, bacillare acuta Nausea e vomito Dismenorrea, primaria Dolore al collo
Epigastralgia, acuta (in ulcera peptica, gastrite acuta e cronica, e gastrospasmo) Il dolore in odontoiatria tra cui dolore dentale e disfunzione temporo mandibolare Dolore facciale (tra cui i disturbi cranio-mandibolari) Periartrite della spalla Mal di testa Il dolore postoperatorio
Ipertensione essenziale Colica renale L’ipotensione, primaria Artrite reumatoide Induzione del travaglio Sciatica
Distorsione Ictus Gomito del tennista

 

 

Malattie, sintomi o condizioni per le quali è stato dimostrato, in base agli studi effettuati entro il 1999, l’effetto terapeutico dell’agopuntura, ma per cui sono necessarie ulteriori prove:

Il dolore addominale ( gastroenterite acuta causa di spasmi gastrici e intestinali) Obesità Acne vulgaris Oppio, cocaina ed eroina, la dipendenza dipendenza da alcol e la disintossicazione L’osteoartrite
Paralisi di Bell Il dolore a causa di esame endoscopico Asma bronchiale Dolore in obliterante tromboangioite Dolore da cancro La sindrome dell’ovaio policistico (sindrome di Stein-Leventhal)
Nevrosi cardiaca Neurodermite Colecistite, cronica, con esacerbazione acuta Convalescenza postoperatoria Colelitiasi Sindrome premestruale
Sindrome da stress Prostatite cronica Lesioni craniocerebrali chiuse Prurito Il diabete mellito, non insulino-dipendente Sindrome da dolore radicolare e pseudo radiculare
Mal d’orecchi Sindrome di Raynaud, primaria Epidemia febbre emorragica Infezioni  ricorrenti del tratto urinario inferiore Epistassi, semplice (senza malattia generalizzata o locale) Distrofia simpatica riflessa
Dolore agli occhi Ritenzione urinaria,  post traumatica Infertilità femminile Schizofrenia Spasmo facciale Scialorre, farmaco-indotta
Sindrome uretrale femminile Sindrome di Sjögren Fibromialgia e fascite Mal di gola (compresi tonsillite) Disturbi dello svuotamento gastrico Dolore acuto della colonna vertebrale
Artrite gottosa Torcicollo Epatite B stato di portatore di virus La disfunzione dell’articolazione temporomandibolare Herpes zoster (umana (alfa) herpesvirus 3) Sindrome di Tietze
Dislipidemia Dipendenza da nicotina Hypo-ovarianism Sindrome di Gilles de la Tourette Insonnia La colite ulcerosa, cronica
Il dolore del lavoro Urolitiasi Ipogalattia Demenza vascolare disfunzione erettile Pertosse (pertosse)
Malattia di Ménière Nevralgie, post-erpetica

 

 

 

Malattie, sintomi o condizioni per le quali esistono dolo prove aneddotiche di efficacia ma per le quali potrebbe comunque essere utile utilizzare l’agopuntura in associazione alle terapie consolidate  (dati 1999):

Cloasma Coroidopatia, sierosa centrale Daltonismo
Sordità Hypophrenia La sindrome del colon irritabile
Vescica neurogena lesioni del midollo spinale La malattia di cuore polmonare cronica Piccola ostruzione delle vie aeree

Cochrane Organization, è una rete di ricerca indipendente costituita da ricercatori, professionisti, pazienti e chiunque sia interessato alla salute, diffusa in tutto il mondo; 37000 collaboratori in 130 paesi lavorano insieme al fine di produrre delle informazioni relative a pratiche di salute che siano libere da interessi commerciali od altri possibili conflitti di interessi.

La maggior parte di questi collaboratori occupa posizioni di rilievo in istituzioni mediche o di ricerca, di politica sanitaria, organizzazioni di consumatori; infine le sedi Cochrane sono collocate spesso nelle più prestigiose sedi della medicina accademica di tutto il mondo.

Primariamente le opinioni espresse da Cochrane dovrebbero essere libere da “bias”(pregiudizi).

Cochrane Collaboration si è occupata abbastanza di agopuntura attraverso diverse revisioni critiche della letteratura. Viene pubblicato in allegato l’elenco.

Le revisioni Cochrane sulla agopuntura

Il giudizio espresso da Cochrane è risultato nella maggior parte dei casi poco positivo quando anche non del tutto negativo. I motivi sono la scarsità degli studi clinici presentati, il non possesso dei requisiti stabiliti per una ricerca evidence based, la scarsa qualità degli studi; tutto questo evidenzierebbe la presenza di “bias” in questi studi e, per conseguenza, la non accettabilità delle relative conclusioni cliniche sui benefici della Agopuntura.

Chi è senza peccato scagli la prima pietra, le revisioni della stessa Cochrane Collaboration, al di là di vari errori metodologici, non sono esenti dal peccato originale dei bias, vale a dire la citazione delle fonti di finanziamento; infatti sembra che questo venga dichiarato solo in un terzo di tutte le revisioni Cochrane.

Questo è il nodo fondamentale del dibattere, le fonti di finanziamento. Gli studi in agopuntura non posseggono i requisiti dell’evidence based medicine per un semplicissimo motivo, mancano le disponibilità economiche per sostenerli perché manca la volontà politica di farlo.

La ricerca in agopuntura non riesce ad ottenere fondi ma, coloro che possiedono i “cordoni della borsa”, vale a dire istituzioni mediche o di ricerca, di politica sanitaria, organizzazioni di consumatori, sono “guarda caso” anche i censori della Agopuntura.

Il lettore che volesse approfondire le singole revisioni può farlo collegandosi al LINK.

http://www.cochrane.org/search/site/acupuncture

Cerca un Agopuntore dell’UMAB  scelta consigliata dal sito

Agopuntori iscritti all’Unione dei Medici Agopuntori Bresciani

 

Cerca un agopuntore in Italia

Con il link sottostante potete accedere allo strumento della FISA (Federazione Italiana delle Società di Agopuntura) per trovare un agopuntore in ogni parte d’italia.

Trova un agopuntore in italia

Informazione per il paziente: il rischio della medicina così detta alternativa

La sicurezza delle medicine complementari o alternative (CAM)
Questa informativa segue a quanto già detto da anni per la campagna informativa sulle così definite medicine CAM, denominata “Operazione Sicurezza” e messa a punto dall’ISS (Istituto Superiore di Sanità), dalla Societa’ Italiana di Farmacologia (SIF) e dal Centro di Medicina Naturale di Empoli.
Al progetto collaborano anche 32 societa’ scientifiche, e tra queste l’UMAB, enti e fondazioni che operano nel settore delle terapie complementari.
Agopuntura e medicina tradizionale cinese, omeopatia, fitoterapia, manipolazioni osteo-articolari e medicina ayurvedica sono le più diffuse tra le varie terapie complementari.
In Italia cresce sempre di più l’interesse dei pazienti per quella che viene definita medicina CAM. Per questo è sempre più necessario fare attenzione ad evitare che il cittadino possa ricorrere ad esperti improvvisati o rimedi fai-da-te.

Presupposto assolutamente necessario è saper distinguere tra alternativo e complementare.
Per informare sugli eventuali rischi l’Istituto Superiore di Sanità con la Società di Farmacologia e associazioni scientifiche delle medicina complementare hanno lanciato questa campagna. E’ la prima volta che si ha una convergenza scientifica così ampia che ha dato vita a un decalogo per usufruire senza pericolo delle terapie complementari distinte dalle alternative.

Una medicina complementare affianca e supporta i protocolli terapeutici della medicina convenzionale ; quella alternativa spesso li ripudia o ne dissentisce, collocandosi nel contempo al di fuori di un approccio deontologico al paziente ed al suo problema.

Fra le raccomandazioni più importanti, quella di seguire solo i consigli di medici iscritti a elenchi riconosciuti.
Ecco le raccomandazioni diffuse dall’Istituto superiore di Sanità:
1. Non iniziare mai una di queste terapie senza averne parlato con il proprio medico.

2. Non abbandonare mai le terapie convenzionali senza averne discusso con il medico di fiducia
3. Mai affidarsi a presunti ricercatori o esperti, al sentito dire, al fai da te o ai consigli di amici e conoscenti. Mai praticare l’automedicazione se non per disturbi minori o piccole patologie di breve durata
4. Non usare mai prodotti a composizione sconosciuta o privi di etichetta. Se non sono stati prescritti, mai usare prodotti naturali durante la gravidanza o l’allattamento. Mai usare a scopi medicinali erbe spontanee raccolte in natura
5. Non fidarsi mai delle vendite su Internet o a domicilio che non diano precise garanzie. Mai credere alle terapie o ai rimedi miracolosi
6. Informarsi sempre sui reali vantaggi di ogni terapia, sulle garanzie di sicurezza ed efficacia, in particolare se si propone di sostituirla a quella convenzionale
7. Consultare sempre medico o farmacista prima di prendere un prodotto naturale o di darlo a bambini e anziani, soprattutto se malati o in terapia con altri farmaci
8. Affidarsi sempre a medici esperti, chiedendo al proprio medico di famiglia, alla ASL, all’Ordine dei Medici e a Società Scientifiche accreditate
9. Conservare i prodotti nella confezione di origine, lontano dalla portata dei bambini, all’asciutto, lontano da fonti di luce o di calore
10. Segnalare sempre al proprio medico o farmacista ogni sospetta reazione avversa a un medicinale o prodotto naturale. Segnalare chiunque prescriva o pratichi queste terapie senza averne i requisiti professionali.

DOMANDE, DUBBI, CONSIGLI? CONTATTACI!

Informazione per il paziente

Via Posta
Unione Medici Agopuntori Bresciani
Via E. de Amicis 7 – Carpenedolo (Bs)

Via Telefono
Tel. 030956350 – 0309966393

Via mail compilando la form sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio